Commercio e affari coreani – Seoul e Corea del Sud

L’economia sud coreana è all’undicesimo posto tra le economie più sviluppate al mondo ed è la terza in Asia. La crescita economica della Corea del Sud negli ultimi 60 anni è stata incredibile; il suo PIL è cresciuto da 100 USD nel 1963 a più di 20.000 nel 2007. L’economia coreana, però, deve ancora affrontare molte sfide, perché alcune riforme sono necessarie, per risolvere vari problemi e rendere il mercato sud coreano più liberale. Il governo sud coreano è inoltre preoccupato per la sempre maggiore diversione di Il quartiere degli affari a Seoul, Coreainvestimenti imprenditoriali verso la Cina ed altre nazioni con basso costo del lavoro. Qui di seguito diamo un’occhiata al commercio ed agli affari in Corea del Sud, ed alle opportunità.

Commercio e affari in Corea del Sud – un breve profilo storico

Nel 1945, l’economia sud coreana era principalmente agricola. Nei decenni successivi la Corea del Sud sviluppò l’industria leggera, i prodotti di consumo e l’industria pesante. L’economia sud coreana fu ulteriormente incrementata nel 1988, grazie alle Olimpiadi Estive e nel 2002 a causa dei Mondiali di Calcio, tenuti in Corea del Sud ed in Giappone. Allo stesso tempo il terziario crebbe immensamente.

All’inizio del XXI secolo, la Corea del Sud è leader nel settore dell’elettronica grazie agli aiuti ricevuti dal governo. Aziende prominenti in questo settore sono la Samsung Electronics e la LG Electronics. Per quanto riguarda le esportazioni, la Corea del Sud si è imposta come principale fornitore di semiconduttori oltre ad esportare vari prodotti elettronici. Per il futuro, il governo sud coreano sta cominciando ad investire nel settore della robotica.

I settori principali dell’economia e del commercio sud coreani

La parte maggiore del PIL sud coreano è costituita dal terziario (circa il 55%), specialmente da grandi magazzini, catene di negozi e supermercati. Il secondo settore per ordine d’importanza del commercio sud coreano, per il quale la Corea oggi è famosa in tutto il mondo, è il settore manifatturiero (più del 40% del PIL). Le industrie sud coreane comprendono: i settori tessile e metallurgico; il settore navale; la manifattura di automobili e l’elettronica (specialmente i semiconduttori, di cui la Corea del Sud è il maggiore produttore mondiale). Per terminare, l’agricoltura contribuisce solo ad una piccola parte del PIL sud coreano (il 4% circa). La coltivazione principale è quella del riso, seguita da altri cereali, come l’orzo, il grano, il mais, la soia e da altri prodotti quali i peperoncini, le patate dolci, il cavolo cinese, mele e pere.

Il commercio internazionale della Corea del Sud – importazioni ed esportazioni

Importazioni – la Corea del Sud importa soprattutto combustibili fossili, attrezzature elettriche e meccaniche, ferro ed acciaio. I principali partner commerciali della Corea del Sud, per quanto riguarda le importazioni, sono la Cina, il Giappone, l’Unione Europea e gli USA.

Esportazioni – I principali partner commerciali della Corea del Sud, per quanto riguarda le esportazioni, sono ancora la Cina, il Giappone, l’Unione Europea e gli USA ed i prodotti che la Corea del Sud esporta sono: beni elettrici ed elettronici, macchinari, veicoli, navi e barche.

Commercio tra Nord e Sud Corea

Di recente, nonostante le discordie in campo politico, il commercio tra la Corea del Nord e la Corea del Sud è aumentato e grandi aziende sud coreane, come la Hyundai, hanno intrapreso attività imprenditoriali nella Corea del Nord.

Pagina 2 – Commercio e produttori sud coreani

Pagina 3 - Opportunità d’affari per investitori stranieri in Corea del Sud

Logo Aggiungi ai preferiti